1 Lira “ARANCIA” che vale un capitale.

liraLe monete coniate nel dopoguerra, cosiddette “spiccioli”, hanno sempre creato grande interesse presso i collezionisti di numismatica; puntualmente quando ne mostri qualcuna alle persone anziane, la risposta è quasi sempre la stessa: – sai quante ne ho buttate, quando non valevano più niente ?; già non valevano niente allora, figurati dopo.
Ebbene, per alcune monete, specialmente quelle con data 1946/1947, la loro valutazione, per rarità, è così alta, che in base allo stato di conservazione, possono valere da un minimo di € 100 fino a € 500 ; attenzione però, a volte, le date sono più importanti della conservazione stessa.
Ora pongo all’attenzione dei lettori la moneta spicciola da 1 lira, di alluminio, cosiddetto Italma.
Il contorno è liscio; al dritto c’è la testa di Cerere, con lo sguardo rivolto a sinistra, attorniata dalla dicitura REPUBBLICA ITALIANA, in basso il nome dell’autore Romagnoli e le iniziali dell’incisore “P.G. Inc.”; al rovescio: un’arancia con foglie e ramo, sotto la data di emissione, il valore e il simbolo della Zecca.

Ne furono coniate e immesse sul territorio: 104.000 pezzi nel 1946 (rara), solo 12.000 nel 1947 (quindi rarissima), 9 milioni nel 1948, 13 milioni e duecentomila nel 1949, e 1.942.000 pezzi nel 1950, anno in cui terminò la coniazione di questa moneta, che fece posto alla minutissima lira del 1951.
La lira “ARANCIA” pesava 1,25 gr., ed aveva una circonferenza di 21,6 mm.
Furono ritirate dalla circolazione 1.958.395 esemplari, creando maggiore valutazione a tutte quelle lasciate nelle scatole di scarpe e nei cassetti di casa.
Dei 5 anni citati, la moneta “spicciola” più rara è quella del 1947, seguita da quella del 1946, poi le altre, ritenute comuni o quasi.
Dare un’occhiata tra le monete che qualcuno ancora possiede non sarebbe male.
Preciso che esistono numerosi riconi e falsi, pertanto si consiglia di non acquistare MAI da persone non riconosciute come venditori ufficiali, ne lasciare MAI monete simili “rare” in visione per qualche giorno, in attesa di conoscerne il reale valore, perché facilmente sostituibili con riconi di scarso valore.

Pin It

5 thoughts on “1 Lira “ARANCIA” che vale un capitale.

  1. Durante l’occupazione inglese della Libia italiana , le autorita britanniche emanarono una valuta denominata lira tripolitana . Circolo dal 1942 insieme alle svalutate banconote italiane con un cambio alla pari, finche nel 1951 il Regno Unito concesse l’indipendenza al Regno di Libia , che conio la propria sterlina libica .

  2. giulio viscovo 25 marzo 2020 al 12:05 -

    ho una lira arancia ma sottola testa ce scritto fac simile invece di romagnoli quanto vale.’

  3. Enzo pizzone Lauria 17 maggio 2020 al 21:14 -

    Io c’è l’ho una lira come è stata descritta datata 1946 se interessa a qualcuno ci possiamo mettere d’accordo.

  4. Enzo pizzone Lauria 17 maggio 2020 al 21:24 -

    Ho pure se interessa a qualcuno lire 10 con cavallo alato e dietro ulivo datata1949 , le 2 lire con spiga 1949 5 lire delfino anno 53,54,55, lire ª spighe anno 53,54,55,56, lire 1 con bilancia anno 1955 lire 500 con dante anno 65 e lire 500 con le 3 caravelle..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *