45 giri “vietata la vendita al pubblico”

Questi dischi con la dicitura ” Vendita vietata al pubblico” facevano gola ai proprietari di bar in possesso di Juke Box, alle discoteche, alle radio libere (private), in quanto costituivano un bel risparmio, dovendo, in mancanza, acquistare parecchi dischi di successo, da diffondere al pubblico, a prezzo pieno.

Queste “serie speciali per juke box” costavano la terza parte.
La cosa più vantaggiosa era costituita dal fatto che con un solo disco ottenevi due successi.
Questi vinili speciali contenevano nella facciata A e B due canzoni di successo.
Solitamente le Case discografiche abbinavano 2 brani, anche se di etichette discografiche diverse, da loro distribuiti.
Un esempio: Nel 1978 la Fonit Cetra assemblò “Dentro l’anima” un successo de I CUGINI di CAMPAGNA, con “Tanto donna” di ROBERTO SOFFICI, tratto dal 33 giri “Il Canto dello Scorpione” LPX.65, etichetta Cetra.
Il paradosso collezionistico sta nel fatto che questi singolari articoli discografici a 45 giri, in alcuni casi, possono valere più delle pubblicazioni normali, per produzione limitata e  difficilmente reperibili, proprio per la condizione legata alla “vendita vietata al pubblico”, anche se……

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *