A chi vulite bene ?

Ho ascoltato e riascoltato questa canzone molto bella di Pisano e Cioffi, cantata e incisa su 78 giri da Sergio Bruni nel 1952 ed alla fine mi son chiesto: “Come è possibile che questa canzone non sia diventata un classico della musica partenopea?”.
Qui di seguito il testo:
Appena ‘o sole sponta
cu nu surrise s’arricorda ‘e vuje

e quanno ‘o mare canta
e st’uocchie belle nun se scorda maje
e tutte ‘e dduje appassiunatamente
cu vuje se fanno ‘o poco ‘e sentimento;
vuje site a ‘nnammurata d’ ‘o sole
vuje site a ‘nnammurata d’ ‘o mare
pecchè tenite dint’ all’uocchio ‘o sole
pecchè tenite dint’ all’uocchio ‘o mare
però vulite bene bene pure a ‘mme
e allora a chi sciglite e tutte ‘e tre
dicite, dicite, vulite bene ‘o sole, ‘o mare o a me.
Si e vote ‘o cielo è scuro
o sole nun po’ ascì se scorde e vuje
e quanno sbatte ‘o mare
me mette ‘ncore ‘na malincunia
ma io stongo sempe sotto ‘a sta fenesta
si ‘o cielo è triste e o mare sta ‘ntempesta
vuje site ‘a nnammurata d’ ‘o sole
vuje site ‘a nnammurata d’ ‘o mare
pecchè tenite dint’ all’uocchie ‘o sole
pecchè tenite dint’ all’uocchie ‘o mare
però vulite bene pure a mme
e allora a chi sciglite e tutte e tre
dicite, dicite, vulite bene ‘o sole, ‘o mare o a me…………

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *