A Silvio ( ‘O sfratto)

Carlo con l’amico Antonio AnsaloneAntonio Ansalone, Tonino per gli amici, decano degli impiegati comunali (mezzo secolo) e computer umano dell’anagrafe (ricorda a memoria tutte le date di nascita dei sanseverinesi; per fortuna non quelle di morte) ora in pensione, coltiva da sempre una grande passione: la poesia. Questa che pubblichiamo è una simpatica riflessione composta nel 2005, nella quale viene configurata una esatta previsione.

‘O juorno ‘e ll’elezioni
l’amico Berlusconi,
prumettette mare e monte,
prumettette pur ‘o ponte.
Avasciammo tutt’ ‘e tasse,
cumbattimmo ‘e francalasse,
e avrò ‘na fissazione,
l’aumento d’a pensione.
Saremo tutti uguali,
non farò leggi speciali,
e mai sarà innocente
un mio amico delinquente.
Starai come in Paradiso
felice e pure ‘ntiso
non avrai bisogno ‘e niente,
parola ‘e Presidente.
Nu pensiero m’ ‘e venuto,
‘o ttriste, mo’ è fernuto,
e credenno a sta prumessa
l’aggio dato ‘o voto ‘e pressa.
Ma è cosa canusciuta,
è cosa ormai saputa,
chi troppo te vo’ da’
cerca sempre e te ‘mbruglià.
Tanta chiacchiere, a zeffunno,
fanno fesso tutto ‘o munno,
pecch ‘e facile a ‘ngannà
chi lotta pe campà.
Nun s’arriva a fine mese
è difficile a fa spese
e ‘nd’a sacca ten’ ‘a cura,

s’adda spenne. Addirittura!
All’estero fa ‘e corne
l’ammore senza scuorne
e, ne mena pure vanto,
‘o munno ‘o critica, frattanto.
E’ sempe sorridente
pur sapenne ch’e perdente,
appare a cchiu’ canale
arrangiate c’o caviale.
Avite essere contente,
piglià ‘a vita alleramente,
nun guardate quanto costa,
consumate l’aragosta.
P’a stampa ce dicette,
e mmane nun ‘e mette,
poi, a Biagi e a Santoro,
pure ‘a medaglia d’oro.
‘E vvote parla, ma nun dice,
‘a Padania ‘o Benedice,
e Bondi c’o capisce
‘o pensiero ce chiarisce.
Casini con Follini,
sotto sotto, pure Fini,
vonno n’ato cumandante,
basta, essere trabante.
Stamme a sente, siente a me,
nun può fa tu sempe o RRE,
da sta recchia nun ce sente,
io, so’ ll’unico putente.
E, senza manco discrezione,
fa capì song’ ‘o padrone,
e, facenno ‘a voce grossa
me ne fotto, tengo a Bossi.
Accussì nun se va ‘nnanza,
abbracciammece ‘a speranza
ca nisciuno cchiù ‘o crede,
e lle resta sulo Fede.
Perciò dico all’elettore
cu ‘na mano ‘ncopp’o core,
per il bene d’a Nazione
adda j all’opposizione.
Mio caro il Cavaliere
nun è sempe cumm’aiere,
e te stà arrivanno ‘o sfratto
p’e prumesse d’o contratto.
Antonio Ansalone

Settembre 2005

Pin It

One thought on “A Silvio ( ‘O sfratto)

  1. Luigi Figliamonti 21 agosto 2007 al 19:28 -

    Bravo, ma ora – per la par condicio – ne deve scrivere una a Prodi, che a Silvio gli fa più di un baffo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *