Anatolio Solovianenko in… “Napoli contro tutti”

Anatolio Solovianenko nato a Donerk (U.R.S.S.) nel 1932, partecipò nel 1965 alla trasmissione televisiva “Napoli contro tutti”, classificandosi al terzo posto cantando il brano “Serate a Mosca” di V.Soloviev – Sedoi – M.Matousovski, nella facciata B “Scorre il Volga” di M.Frankdin – L.Olascianin, pubblicato dalla Ricordi SRL 10-369.
Anatolio Solovianenko incominciò a studiare canto nel 1952 ricevendo lezioni private per 10 anni dal tenore Korobeitscenko. Nel 1962, dopo aver vinto un concorso, entrò a far parte del Teatro Lirico di Kiev e nello stesso anno, trasferitosi a Milano, sotto la guida del maestro Barra si perfezionò al Teatro alla Scala, risultando uno dei migliori e promettenti. Quando ritornò in patria ricevette subito numerose offerte di partecipazione a spettacoli televisivi che lo fece conoscere al pubblico russo. Numerosissime le sue interpretazioni, come tenore, nelle Opere più importanti, in particolare nel “Rigoletto”, nei Teatri di Kiev e Mosca.

Giovanissimo si era laureato in ingegneria mineraria e si era sposato nel 1963 con una studentessa in “economia cinematografica”. Per la sua bella e calda voce fu spronato ad incidere canzoni sullo stile di questa “Serate a Mosca”, purtroppo non ottenne grandi consensi. Rimane storica la sua polemica con un altro grande tenore: Giuseppe Di Stefano. Quest’ultimo, risentito dalle dichiarazioni del tenore ucraino, il quale sosteneva la tesi che i cantanti partecipanti al Festival di Sanremo non erano cantanti se facevano uso del microfono, non fece attendere la sua indignata difesa rispondendolo per le rime; gli fece notare infatti, che lo stesso Frank Sinatra, considerato a ragione, il più grande cantante del mondo, adoperava il microfono. Giuseppe Di Stefano aveva partecipato al Festival di Sanremo del 1966 con la canzone “Per questo voglio te” (La voce del Padrone MQ 2017), considerando la possibilità di estendere la sua fama anche ad un pubblico non amante della lirica.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *