Anema e core

invito domenica in
Salve D’ Esposito, autore con Tito Manlio della famosissima anema e core del 1948 , cantata in tutte le lingue ed interpretata da migliaia di artisti , il giorno che ebbi il piacere e l’onore di conoscerlo personalmente a Domenica in… del 25 marzo del 1979 mi avvicinai per chiedergli un autografo , con immenso stupore da parte mia , mi disse che era onorato di questa richiesta . Uomo di grande importanza e allo stesso tempo di grande umilta’ e semplicita’ , che mi lascio’ stupito . Autografo Salve D’EspositoMi disse inoltre che se lo avessi onorato della mia presenza a casa sua , al corso Italia di Sorrento , mi avrebbe fatto omaggio della partitura autografa di Anema e core .

In quella trasmissione accompagnava al piano il mio fraterno amico Bruno Venturini Bruno Venturini e Carlo in una trasmissione TV. Io responsabilmente rimandavo sempre quell’incontro , purtroppo il Maestro venne a mancare il 22 gennaio del 1983 e mi rimarra’ a vita questo rammarico di non poter possedere questo prezioso ricordo del Maestro Salve D’Esposito.

Pin It

2 thoughts on “Anema e core

  1. andrea d'esposito 11 settembre 2007 al 14:59 -

    grazie x prima cosa perchè ricorda mio nonno con tanto affettto e stima, le vorrei parlare da vicino e per questo lascio il mio cell.347/xxxxxxx

  2. massimo del regno 12 settembre 2007 al 18:39 -

    Caro Carlo il tuo rammarico è comprensibile per chi come te ama la buona musica e apprezza i grandi autori.A Sorrento dove il maestro nacque nel 1903 c’è soltanto una lapide che ricorda la celebre Anema e core di MANLIO- D’ESPOSITO del 1950(prima esecuzione di Tito Schipa in una trasmissione radiofonica)eppure il maestro D’Esposito,inventore nell’immediato dopoguerra dello slow napoletano(chi non ricorda Me so’mbriacato ‘e sole del 1948 incisa da Antonio Basurto), fu direttore d’orchestra del San Carlo dopo aver ottenuto grandi successi anche a Parigi e a Londra. Quanto tempo dovremo aspettare prima di vedere intitolata al grande maestro una strada a Sorrento?Vogliamo ricordarlo noi che su Radio Rota abbiamo fatto ascoltare innumerevoli versioni delle due celebri canzoni?
    Un caro saluto ,Massimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *