Armando Marra ‘A marketta. Testo.

Brano di una bellezza mostruosa che interpretato dal “Grande” Armando Marra diventa un vero e proprio capolavoro dell’avanspettacolo. Riascoltando questo brano dopo 35 anni mi son chiesto: “ma la musica Rap già esisteva?”; ebbene provate ad ascoltare il brano su you tube, digitando “Armando Marra ‘A marketta”, inserito dal mio amico Mimmo Esposito; per facilitarvi l’ascolto qui di seguito ne ho trascritto il testo:
Ajere che ‘è succiesso int’ ‘a marketta
che guaje ‘a cumbinato donna Cuncetta
mieza ‘a marketta, mieza ‘a marketta
chella è ‘nduppato ‘nfaccia ‘a ‘na carretta
e llà po se scassata tutta ‘a cascetta
mieza ‘a marketta, mieza ‘a marketta;
tutta ‘a spesa ‘lle carute e ‘na mossa ‘lle venute
‘a perdute ‘e pummarole ‘e patane che scarole
‘na ‘nzalata ‘e rafaniello cu ‘nu bello cucuzziello
‘a perduto proprio tutto, ‘na ruzzine e franche frutte
‘a perduto ‘na rapesta, ca teneva sotta ‘a vesta,

cinche piezze e mulignane cu na forma ‘e parmiggiane
sei castagne e vinte noce e nu pacco ‘e rrobba roce
essa ‘nderra che briosce e ognuno ‘a vistaaaaa….
tutta ‘a marketta , tutta ‘a marketta.
Uh! quanta folla steva inta ‘a marketta
comme chiagneva llà Ronna Cuncetta
rint’ ‘a marketta rint’ ‘a marketta.
pa raggia se scassata ‘a camicetta
e llà po se ‘nquacchiata tutt’ ‘a burzetta
miez’ ‘a marketta, miez’ ‘a marketta.
quanta strille ca faceva, tutt’ ‘a gente ca rereva
ll’ hanno rutto nu fagotto, tutte cose è asciuta ‘a sotte
‘nu capretto e ‘nu mellone e ‘nu piezzo ‘e pruvulone
cinche fiasche r’ uoglie fine ‘o sapone che stuppine
sette forme ‘e ‘nzogne ‘e llarde, ‘nu vasetto ca mustarde
otto chile ‘e maccarune e ‘nu sacco che gravune
puparuole, aulive e ‘nu capitone vive;
po carcioffole, psielle, quatte cape ‘e pecuriello
pe nun perdere ‘o cetrule, ll’hanno visto pureeee…
tutt’ ‘a marketta, tutt’ ‘a marketta.
E’ asciute pazze quase Ronna Cuncetta
e ‘a fatto arrevutà tutt’ ‘a marketta
pe ‘na cascetta, pe ‘na cascetta.
Chella ‘a cacciato tanta ‘na furchetta
e ‘a secutato a chillo ‘ra carretta
miez’ ‘a marketta, miez’ ‘a marketta.
N’ atu pacco ca teneva, tutto ‘nderra lle careva
ferrettine e frubbicelle, catenacce e chiavetelle
mazze, file e sapunette, macenielle e machinette
‘na ratiglie, ‘na tiella, scolapaste e caccavelle
otte piatte e sei bicchiere, quarantotte canneliere
proprie tutt’ ‘a rrobba ‘e case, ‘o mastrille e a grattacase
‘nu martiello, ‘na marzola, vinticinche sputarole
‘na lavagna e ‘nu siggione, ‘nu cuscino ‘nu cazone
‘nu lunzule e ‘nu mesale, ‘nu cuppine e ‘nu rinale.
‘nu galluccio fatto ‘e creta, ‘na gallina fatt’ ‘e seta
l’indiano fatto ‘e gesso e sicarie ‘nmane ‘a essa
disignata ‘nfaccia o ssole e cu tutt’ ‘o mazzo ‘a fora
essa ‘nderra cchiù arraggiata e ca vesta scummigliata
tutte quante attuorn’ ‘a essa ll’hanno vista pure a….
tutt’ ‘a marketta, tutt’ ‘a marketta.

Pin It

2 thoughts on “Armando Marra ‘A marketta. Testo.

  1. Carlo sei un grande ed un cultore di cose rare e belle.Complimenti

    tuo amico Mimmo Esposito

    P.S. T’ho messo da parte l’intero LP di ArmandoMarra ,te lo regalo.

  2. SAVERIO CILENTI 21 gennaio 2010 al 10:50 -

    CIAO, CARLO. SEMPRE BELLE COSE E PERSONAGGI MIS-CONOSCIUTI SUL TUO BEL SITO, QUESTA VOLTA AUSPICE IL PREZIOSO INTERVENTO DEL SIMPATICO MIMMO ESPOSITO. SEI A CONOSCENZA DI QUANTI DISCHI ABBIA PUBBLICATO L’ATTORE MARRA? DI CHE ANNO E’ IL 45 GIRI? GRAZIE E VIVE CONGRATULAZIONI, SAVERIO – NAPOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *