Armando Marra “Attore, Regista, Poeta, Cantante, Scrittore”

Armando Marra è tutto questo. Chi come me si espone a dire cose senza documentarsi rischia di fare brutte figure; ho dalla mia, però, la forza di ammettere la mia ignoranza.
In passato alla domanda riguardante il personaggio Armando Marra, ho sempre risposto: “E chi non lo conosce” è il cantante d ‘ ‘A marketta!…e mi fermavo li.
Oggi, chiedo scusa al Maestro Marra, pubblicando una piccola biografia, riguardante la sua brillante carriera di Attore, Regista, Poeta, Cantante e Scrittore.
Armando Marra, nato a Napoli sui palcoscenici d’assalto o di trincea dell’Apollo, passato dal varietà all’avanspettacolo e all’operetta e, forse unico tra gli attori napoletani, al circo. Giunse a maturare la sua piena esperienza con Peppino De Filippo, nonchè con Barrault e la sua Comedie Francaise. Viene poi l’esaltante esperienza del “Triculo” nella Tempesta diretta da Giorgio Streheler, ed è mimo e eclettico nel “Palazzo di Cristallo”, allestito a Broadway da P.Brooke. L’esperienza americana lo conduce alla riflessione poetica-canora sull’emigrazione che sfocia nel suo primo disco “Portame a Casa Mia”, divenuto poi spettacolo con la collaborazione di Antonio Ghirelli e Antonio Lubrano. Non poteva ovviamente mancare la fondamentale esperienza con Eduardo col grottesco personaggio di “Spanò”, nel Pirandelliano “Berretto a sonagli”. Numerosissime esperienze teatrali lo conducono dalla irripetibile stagione del “Masaniello” alle uniche quanto magiche serate del settembre al Borgo di Casertavecchia dove è protagonista in “Iesus” con Anna Miserocchi, e di “O juorno ‘e San Michele” con Regina Bianchi. E’ Cirano Pagliaccio su Rai due. Nutritissima la filmologia che va da “Il nome della rosa” di Annaud a “Mosca addio” di Bolognini con Liv Ullman, “Il tassinaro” di Alberto Sordi al “Commissario Lo Gatto” di Dino Risi a “Intervista” ultima fatica di Federico Fellini, “No, grazie il caffè mi rende nervoso” con Massimo Troisi, “Mi manda Picone” per la regia di Nanni Loy, “Benvenuta” con Gassman e Fanny Ardano, “Nel giardino delle rose” per la regia di L. Martino con Ottavia Piccolo, Remo Girone e Giancarlo Giannini. Ancora con Giancarlo Giannini nel “Male oscuro” per la regia di Mario Monicelli e con Tino Buazzelli ne “Il balordo”.

Sulla rete due della Rai, Marra e Massimo Dapporto tra i protagonisti della serie “Sarti Antonio Brigadiere” e “Investigatori d’Italia”. Inoltre è tra i protagonisti di “Stradivari” con Anthony Quinn per la regia di Giacomo Battiato, oltre che nel “Don Bosco” con Ben Gazzara e in “Scugnizzi” di Nanni Loy. “Capriccio” di Tinto Brass con Francesca Dellera; “La Bravata” di Roberto Montero. Insignito del Premio “Una vita per il Teatro”. Primo a Parigi all’Odeon nel Meeting Internazionale “Polichinelle 91”. Raffinato poeta, drammaturgo, e regista – Sue diverse opere di pregevole fattura come “Una Notte Mille del Mille”, “L’Esperimento” e “Paisà”, “Aspettando Totò” e “Scugnizza”. E’ attualmente Direttore dell’Accademia Europea di Teatro. “La buffa Historia del Capitan Fracassa” regia di Mico Galdieri, “Il malato immaginario” con Aldo Giuffrè. “Adorabile Giulia” con Marina Malfatti e Flavio Bucci, regia di Marco Mattolini. “La Zia di Carlo” con Lando Buzzanca. “Gocce di luna”, spettacolo di grande livello artistico, portato in tournèe negli anni passati. Grande consenso dello spettacolo musicale “Gocce di luna” con Armando Marra, Stefania Colangelo ed altri. Libro di poesie, monologhi, canzoni e colpi di luce del 2003/04 dal titolo “Memorie di uno scugnizzo” e un libro che parla di un Itinerario all’arte del Teatro “Io di scena”, pubblicato nel 1998. Spero di esser stato perdonato dal “Maestro” Armando Marra per la mia involontaria mancanza nei riguardi della sua ARTE. Infine un grazie particolare alla figlia Ida Marra che accogliendo l’invito mi ha dato la possibilità di poter conoscere e far conoscere l’infinita bravura di Armando Marra.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *