Baby Gate è Mina.

Il disco di Baby Gate ripubblicato dalla Butterfly di Milano
Baby Gate nasce artisticamente nel 1958, incidendo il primo 45 giri con l’Italdisc, Casa Discografica fondata e diretta dall’attentissimo Davide Matalon. Debutta in TV nel 1959, nel programma condotto da Mario Riva “Il Musichiere”, cantando “Non partir”, cavallo di battaglia di Tony Dallara e Fred Buscaglione. Sembrerà strano, ma il 45 giri più venduto di Mina è un disco pubblicato per il mercato tedesco dal titolo “Heisser sand”, raggiungendo la ragguardevole cifra di 1.300.000 copie. Una curiosità: Pino D’Angiò ha composto per Mina il brano “Ma chi è quello li”. Il disco raro di Baby Gate è l’extended play pubblicato in Spagna per l’etichetta Festival (Hispa Vox), contenente 4 bellissime covers: 1) Passion flower, 2) When, 3) Be bop a lula e 4) My true love.

Il disco era stato pubblicato su licenza RiFi Record, sull’etichetta centrale compare la scritta pubblicitaria “Grey-La cera che lava e lucida”, canta Baby Gate and her Rythmic (errore di stampa). Valore di mercato 80 euro. 45 giri di Bruno Venturini inciso per l’ItaldiscLa Butterfly di Milano ripubblicò le incisioni di Baby Gate dell’Italdisc nel 1990, stessa cosa avvenne in precedenza con un album di Bruno Venturini inciso con l’orchestra di Angelo Giacomazzi con la stessa casa discografica.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *