Curiosità discografiche a 78 giri.

carlo-e-claudio1I miei nipotini son rimasti stupiti ed esterrefatti alla vista di un disco a 78 giri in mio possesso; ancora più meravigliati nello scoprire che quel disco nero potesse contenere voce di un cantante e musica di un’ orchestra.
Alle incalzanti domande ho dovuto dare delle risposte, descrivendo che si trattava di un 78 giri Cetra Ac 3194, pubblicato in occasione del 7° Festival della canzone di Sanremo, svoltosi dal 7 al 9 febbraio del 1957. Il pericolo numero uno  (Michele Cozzoli – Enzo Bonagura) cantato in coppia da Claudio Villa e Gino Latilla si classificò al sesto posto, in abbinamento alla coppia formata da Natalino Otto e il Poker di Voci (gruppo vocale formato da quattro uomini: i torinesi Giorgio Caldana, Piero Fiemonte, Piero Trapani e dal tedesco Kurt Wehowski).

A Sanremo del 1957 interpretarono anche Casetta in Canadà ed altri brani, nell’ altra facciata del 78 giri troviamo Usignolo (Gino Castellani – Luigi Luciano Martelli – Carlo Concina), classificatosi al secondo posto.
Vinse il Festival di Sanremo la coppia Claudio Villa e Nunzio Gallo, che interpretarono “Corde della mia chitarra”.
Le matrici riportano le date: 24 gennaio 1957 per Il pericolo numero uno, e 30 gennaio 1957 per Usignolo.claudio
Nella foto in alto Carlo Casale (con baffi e pizzetto) con Claudio Villa al mare.

Pin It

One thought on “Curiosità discografiche a 78 giri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *