Doris Day in Hollywood

Copertina del rarissimo triplo di Doris DayRarissima questa confezione di 3 extended play della famosissima attrice-cantante Doris Day, edita dalla Philips, contenente nel 1° disco:
Facciata A: 1) “With a song in my heart” di Rodgers e Hart del 1950, tratta dal film “Young man with a horn” con Kirk Douglas e Lauren Bacall, accompagnata dall’orchestra di Harry James;
2) “I may be wrong (but i think you’re wonderful)” di Ruskin e Sullivan, sempre del 1950, tratta dallo stesso film e con la stessa orchestra;
Facciata B: 1) “Secret love” di Webster e Fain del 1953, tratta dal film “Calamity Jane” con l’orchestra di Ray Heindorf;
2) “Makin’ whoopee!” di Kahn e Donaldson del 1952, tratta dal film “I’ll see you in my dreams” con l’orchestra di Paul Weston.
Nel 2° disco:
Facciata A: 1) “By the light of the silv’ry moon”, di Madden e Edwards, tratta dall’omonimo film del 1953, con l’orchestra di Paul Weston;
2) “Crazy rhythm” di Caesar, Meyer e Kahn, tratta dal film “Tea for two” del 1950, con l’orchestra di Gene Nelson & The Page Cavanaugh Trio;
Facciata B: 1) “Moonlight bay” di Madden e Wenrich, tratta dal film “On moonlight bay” del 1951, con l’orchestra di Paul Weston & The Norman Luboff Choir;
2) “Love me or leave me” di Kahn e Donaldson, tratta dal film omonimo del 1955, con l’orchestra diretta da Percy Faith.
Il 3° disco contiene:
Facciata A: 1) “Just one of those things” di Cole Porter, tratta dal film “Lullaby of Broadway” del 1951, con l’orchestra di Frank Comstock;
2) “Whatever will be, will be”, meglio nota col titolo Que serà, serà, di Livingston ed Evans, tratta dal film “Two man who knew too much” del 1956, accompagnata dall’orchestra di Frank De Vol;
Facciata B: 1) “There once was a man” di R. Adler e J.Ross, tratta dal film “The Pajama game” del 1957, con l’orchestra di John Raitt, diretta da Ray Heindorf;
2) “Teacher’s pet” di Lubin, tratta dall’omonimo del 1958, accompagnata dall’orchestra di Frank De Vol.
La cantante attrice nata a Cincinnati, Ohio il 3 aprile del 1924, viene ancora oggi paragonata alla nostra Marisa Allasio per l’esilarante bellezza. Chi fosse interessato a queste incisioni può rivolgersi al collezionista di Cicciano, Francesco Mastroianni, proprietario dei vinili.

Pin It

One thought on “Doris Day in Hollywood

  1. Stefania da Genova 4 dicembre 2012 al 14:06 -

    Ciao, cercavo una vecchia foto di Zucchero Fornaciari e sono incappata in questo tuo articolo.
    Anche io, per esperienza diretta associo Zucchero (Sugar)
    con gli Sugar and Candies. A cavallo fra la fine degli anni 70 ed i primissimi 80 io li ricordo , con lui come front man
    a suonare al sabato sera in un locale di Avegno (Ge) , il P4
    allora molto in voga, sia perche’ spazioso (cosa non comune in Liguria) sia perche’ proponeva musica dal vivo.
    Addirittura io collocherei Zucchero in un gruppo precedende
    (che poi aveva avuto un lutto per incidente stradale di uno dei componenti) : i Devils. Risulta ? Ciao Stefania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *