E’ bello ‘o magnà!

Prendendo a spunto una famosa canzone di Mario Merola, che qui sotto ne riporto il testo integrale, vi racconto una giornata meravigliosa vissuta nella Città più bella del mondo: NAPOLI.
Appuntamento con gli amici collezionisti alle 10 e 10 del giorno 10/10/10 alla Casa della musica per l’immancabile partecipazione alla Mostra del disco da collezione, egregiamente organizzata da Nicola Iuppariello.
Tutti noi il giorno prima della Mostra abbiamo giocato il solito biglietto al lotto: 33/45/78 (velocità dei dischi) realizzando 2 ambi; qualcuno ha pensato bene di giocarsi anche il 55 (‘a museca) come estratto a Napoli e col ricavato comprare dischi da collezione.
Ognuno ha cercato di trovare vinili mancanti alla propria collezione; io ho ricevuto materiale molto raro dal solito Ciccio Mastroianni (Remo Germani, Bob Azzam, I 5 di Lucca, Bruno Martino rarità, Nicola Di Bari rarità); da Antonio Pedozzi ho ricevuto 45 giri di Sasà e i Nobili, Piero Finà, I Lord Thomas, Mario Mari and Brothers e Nino Soprano. All’unanimità abbiamo convenuto e concluso che gli stessi dischi visti nei mercatini rionali, per un fenomeno di “arrapainalienabilità” (termine da me coniato, inesistente nei dizionari) alle mostre del disco lievitano di prezzo del 100%. Nel tentativo di far riflettere qualche espositore sul fatto che i prezzi di alcuni vinili erano eccessivi, la risposta è stata “Magnataville ‘e sorde”…non ce lo siamo fatto dire una seconda volta; tutti d’accordo e tutti “Dal Delicato”, cantando a squarciagola


E’ BELLO ‘O MAGNA’:
Sentite a me, nun me parlat ‘e diete
nun me’ levate ‘o sfizio do’ magna’
‘o broro vegetale, ‘o fior ‘e latte
vuie sti schifezze a chi ‘e vulite da’
quanno me sento ‘e voto poco bbuono
chest’ e’ ‘a ricetta ca’ me fa sana’
nu spaghetto che purputiello
cucinato ‘int ‘a ll’acqua ‘e mare
treglie ciefere e marmulille
taratufl ‘nquantita’
vuie v’ ‘avita fa capace
‘ncopp ‘o munno nun ce’ sta
n’ata cosa ca e’ chiu’ bella
ca e’ chiu’ bella do’ magna’
e’ bell ‘o magna’
e’ bell ‘o magna’
favurite ca’ ve faccio cunzula’.
Ma che ve ‘mporta ca ve facite chiatte
chiammat ‘o sarto
chiammat ‘o sarto pe ve fa’ allarga’
tutte ‘e vestite ca ve’ vanno ‘stritte
e ‘a panza facitela sciala’
pruvate pe na’ vota sulamente
chistu pranzetto degno e nu pascia’
na’ zuppiera e pasta e fasule
ddoje sasicce cu ‘e friarielle
na’ frittura e calamarielle
e nu’ ruoto co’ baccala’
vuie ve ‘avita fa capace
‘ncopp ‘o munno nun ce’ sta
n’ata cosa ca e’ chiu’ bella
ca e’ chiu’ bella do’ magna’
e’ bell ‘o magna’
e’ bell ‘o magna’
favurite ca’ ve faccio cunzula’.
E’ bell ‘o magna’
e’ bell ‘o magna’
favurite ca’ ve faccio cunzula
voi permettete? aggia j’ ‘a mangia’

Pin It

4 thoughts on “E’ bello ‘o magnà!

  1. Nicola Ruotolo 11 ottobre 2010 al 13:02 -

    Vi siete dimenticati di giocare anche il numero del vecchio vecchissimo 16 giri: sulla ruota di venezia ha fatto ambo con il 45 giri. Anche se da tempo è quasi impossibile trovarne uno comunque ha avuto un ruolo pioneristico nella sroria del vinile.
    quindi per la prossima volta suggerisco una bella quaterna sulla ruota di Napoli: 16-33-45-78.
    Ciao Carlo
    Nicola Ruotolo

  2. 10/10/10 io ho giocato la quaterna, 10 33 45 78 e la ritento.
    A sabato per ascoltare e parlare delle rarità acquistate.
    E per quando riguarda il ” magnatavelle ” ottima scelta.
    Ciao
    Alfonso

  3. simona liguori 11 ottobre 2010 al 15:09 -

    Bene, bene vedo che non vi siete fatti mancare nulla hihihih bellissime foto eeeeeee per concludere quel biglietto vincete Complimenti !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *