Emilio Campassi

 

campassiEmilio Campassi storia e curiosita’ di un artista.
Autore del celeberrimo inno del secondo scudetto del Napoli ” Maradona e’ meglio ‘e Pele…” prodotto e sponsorizzato dalla ditta Giancar di Giovanni Caruso di Napoli in formato musicassetta, contenente solo 2 brani:

Lato A) L’inno di Maradona
Lato B) Tango de Maradona

 

maradona
Nella foto in ordine da sinistra a destra : Fabian Ayala, Carlo Casale con la maglia della nazionale argentina regalatagli da Fabian, Caio. Diego Armando Maradona jr. e Carlo Casale.

Sotto a sinistra Carlo Casale con Zeman . Sotto a destra Carlo Casale con Ferdinando Coppola attuale portiere dell’Ascoli.
Di Emilio Campassi ci piace ricordare il brano da lui inciso “Vai pure via” esempio di qualche rara cover di “Don’t let me be Misunderstood” cavallo di battaglia di Eric Burdon & the Animals ma portato ad un successo commerciale dai Santa Esmeralda distribuzione Polygram.
Nel maggio del 1987 Emilio Campassi in collaborazione con l’artista Stefano Virga compone “canzone va” inserita nell’album “Boy show”.
Collabora anche col complesso “Le nuove luci” nel quale appare un giovanissimo Zucchero dove cantava Baila Juanita che diventerà più tardi “Baila baila Morena”.

Pin It

10 thoughts on “Emilio Campassi

  1. Francesco Apicella 27 febbraio 2007 al 22:20 -

    Io sono un 27 e grazie a Carlo sto scoprendo molto del mondo musicale del passato.
    ps:complimenti per il nick molto a tema 😉

  2. Io sono un 26 napoletano e ricordo “zio” Emilio Campassi e le sue magnifiche canzoni dedicate al Napoli..quando veniva a casa di zia Pia e zio Carlo Guida e i figli Davide e Pierluigi…che ricordo tutti insiemeche bel ricordo la sua voce il suo amore per la musica..ciao Emilio

  3. forse una delle prime canzoni che ho imparato a suonare er proprio ciao di Emilio.
    Tu sei il nipote Diego? mio padre era un suo carissimo amico di piazza carlo terzo ed io anche se vagamente lo ricordo.

    lascio il mio contatto messenger ed e-mail magari ci si fa 4 kiakkiere
    pmigliaccio@hotmail.com

  4. non si può dimenticare un zio come te!
    ricordo molte delle tue canzoni le cui parole riuscivano a trasmettere emozioni indimenticabili.
    Ricorso le tue serate al piano e le feste trascorse con tutta la nostra famiglia a casa mia e dei nonni , tutti insieme a cantare ed ascoltare la tua splendida voce !!!!
    sarai sempre nei nostri cuori.
    fausto
    serate trascorse insieme con tutta la famiglia a casa dei nonni e zii, tutti insieme ad acsltare le tue canzoni , una più bella dell’altra

  5. Credo sia stato l’indimenticabile maestro di Gianni Rock, futuro Massimo Ranieri, che gli lanciò la canzone “Lassù qualcuno mi ama”.Ricordo le prove ai salesiani Don Bosco nei primi anni 60.

  6. antonio di nota 3 febbraio 2010 al 18:49 -

    ricordo Emilio nel bar giunto a piazza carlo III con molta simpatia e tenerezza ! Ciao Emilio!!!

  7. Sasa' Esposito 20 novembre 2011 al 11:22 -

    Oltre ad assergli stato amico sono stato x vari anni il suo
    accompagnatore.Negli anni 80 /90 Gli portavo il piano e l’impianto
    microfonico.Ricordo ad un matrimonio a pozzuoli ove lui x la prima
    volta mi fece cantare in pubblico.E grazie a quella sua spinta oggi
    ho 62 anni faccio ancora pianobar.Era un simpaticone ed una bella
    persona.Grazie Emilio ti penso sempre sei stato un serio
    professionista.Ti ricordo pure con Patrizio ed umberto alla batteria
    mio ffratello + piccolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *