Enzo Cianci “cantante”

45 giri raro di Enzo Cianci.Artista non si diventa per caso e a volte è la fortuna a determinare il successo di un cantante di musica leggera. Enzo Cianci rappresenta uno dei tanti artisti italiani che con un bagaglio pieno di professionalità e tanta tanta gavetta non è riuscito a imporsi al grande pubblico nazionale. Iniziò formando la “IV Formula”, complesso con tutti elementi di Potenza, composto da: Franco Tedona (27/12/’53), Donato Scattona (18/8/’48), Antonio Lo Sappio (26/1/’50), Vincenzo Cianci ( 10/3/53) e Emanuele Summa. Dopo aver vinto un concorso Nazionale Enal, interpretando “L’esistenza” e la cover “Eppur mi son scordato di te”, finì’ l’avventura della IV Formula e prese piede una nuova formazione: i “S.A.O.”, iniziali di un famoso piatto gastronomico strapaesano, nella quale formazione subentrò Rocco Gruosso, alternandosi con Lo Sappio e Scattona.

"gruppo lucano"" />

Vinsero una gara di complessi svoltasi a Palermo e tutto sembrò maturo per un esordio televisivo, che puntualmente arrivò con la partecipazione alla trasmissione televisiva “Piccola ribalta”, tenutasi ad Ischia dal 17 al 20 aprile del 1973. Di li a poco finì anche l’avventura dei “S.A.O.” ed iniziò l’esordio de “I Lupi”, in omaggio alla Lucania (terra di lupi), i quali incisero un rarissimo 45 giri dal titolo “Pensieri d’aprile”, facciata B “Quel qualcosa di nuovo”. Inizialmente i componenti de “I Lupi” erano sei: Francesco Sileo (batteria), Stefano Rubino (tastiere), Donato Scattone (basso), Giuseppe Taddonio (chitarra ritmica), Rocco Tolve (chitarra solista) e Vito Colangelo (cantante); in seguito subentrò Enzo Cianci. Quest’ultimo dopo la parentesi IV Formula, S.A.O. e I Lupi, proseguì da solista incidendo un bellissimo disco, per l’etichetta “Eterfon” dal titolo “Notte mia, donna mia” e nel retro “Solo”, (45 giri molto ricercato dai collezionisti). Enzo Cianci tuttora continua a far serate in manifestazioni di piazza e matrimoni, anche se ora “cantare” per lui è un hobby e non più una professione.