Gabrè e Miscel “78 giri”

Miscel e Gabrè, grandi interpreti su 78 giriAll’apparenza sembrerebbero nomi di artisti francesi, in realtà trattasi di due fratelli, artisti italiani che ottennero discreti successi durante il ventennio fascista. Gabrè, nome d’arte di Aurelio Cimato, nato il 25 luglio 1890 a Villa S.Giovanni (RC), fine dicitore con impostazione della voce da tenore-leggero; debuttò a soli 23 anni nel momento esatto che le case produttrici di grammofoni, 46 per l’esattezza, iniziarono la vendita e il disco soppiantava il cilindro. Nei primi anni ’30 in Italia imperversavano ritmi di origine straniera, come il tango, il fox trot, il charleston etc.; si cantavano drammi esistenziali, amore sdolcinato, allegri doppi sensi e si ballava sulla falsariga di ritmi americani. Il regime obbligava la traduzione “rigida” dei testi, mai contrastanti col patriottismo imperante. La stessa etichetta discografica “statalizzata” Durium (La voce dell’Impero), riportava la dicitura “Prodotto italiano”. Miscel, nome d’arte di Michele Cimato, sulle orme del fratello, anch’egli “tenore-leggero”, romano di nascita, ottenne grande popolarità nel decennio 1925/35, incidendo tantissime canzoni napoletane di successo. Per dar modo agli interessati, amanti della musica d’epoca, che difficilmente trovano disponibilità di queste canzoni su supporto CD, ho realizzato una compilation (non in vendita), alternando i successi interpretati dai fratelli Cimato: Miscel e Gabrè.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *