Gemelli diversi Vol.27

Peppino Di Capri autografa dischi in vinile di Carlo CasaleVentisettesima raccolta di canzoni uguali, ma cantate da interpreti diversi. Iniziamo con “Deborah”, cantata da Wilson Pickett, mancato 6 anni fa per infarto, in coppia con Fausto Leali al festival di Sanremo del 1968. Il secondo brano “Get off of my cloud”, successo del 1965 dei “The Rolling Stones” (Decca), cantato in versione cover da “I Pipistrelli” e in italiano da “I Camaleonti”. “Casanova baciami” divenne nel 1963 il cavallo di battaglia di Cocky Mazzetti (Primary-RiFi), in seguito inserita nel film del 1964 ” Canzoni, bulli e pupe”; l’altra versione da me scelta per l’abbinamento è quella di Petula Clark (Vogue), cantata in tedesco, retro Petula’s twist; il disco a 45 giri pubblicato in Germania il 18 maggio 1963, raggiunse la vetta dei dischi più venduti. Un classico di Fred Buscaglione “Guarda che luna” l’ho inserito nella piacevolissima versione, tratta da Gori Vatra Soundtrack, l’altra versione è quella di Torquato & i quattro (Odeon MSOQ 5243), pubblicata dalla Philips in spagnolo col titolo “Mira que luna”.

Gimme Some Lovin’ è un singolo del gruppo rock britannico Spencer Davis Group, pubblicato nel 1966 e qui inserito nelle due versioni gemelle, eseguite da Mal dei Primitives e in italiano “T’amo da morire” dai New Dada (leader Maurizio Arcieri) del 1967. Un’ora sola ti vorrei, l’abbiamo apprezzata sempre nella versione degli Showmen, dei Camaleonti etc., a me è piaciuta molto questa versione cantata da Neil Sedaka e dalla band tarantina “Diamond Flow” (1980). Mina e Shirley Bassey omaggiano Mister volare con la loro splendida voce, e una personale interpretazione di “Dio, come ti amo”. Isabella Iannetti gemellata musicalmente parlando con Adriano Celentano, che incide in spagnolo “Te han visto con otro”, versione cover di “T’hanno visto domenica sera”. Serenata fu incisa da Dino (Eugenio Zambelli), e Peppino Di Capri la scelse come sottofondo di alcune puntate della telenovela brasiliana “Luz do sol”; la versione di Peppino non fu mai editata in Italia e pubblicata solo su una compilation in Brasile; rimane pertanto una vera “rarità discografica”. Concludo questa ventisettesima raccolta con la canzone “Permette signora”, che permise al cantante Piero Focaccia di raggiungere una vasta popolarità, presentandola al “Disco per l’estate” del 1970; l’altra versione è cantata in spagnolo da Nicola Di Bari (Michele Scommegna) col titolo “Permite señora”.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *