Il paese dei balocchi – II parte

Gli abitanti di Watercloss erano per la maggior parte lavoratori indefessi, dediti alla pastorizia (mungevano pecore) e la minoranza era costituita dagli intellettuali accademici. A loro era affidata l’amministrazione della Contea, in quanto esperti studiosi dei problemi economici e logistici. La gendarmeria locale era poco impegnata e difficilmente interveniva nel controllo dell’ordine dei ca.ca.ca… (carri, carrozze, cavalli), in quanto per favorire le attività commerciali del posto tolleravano ogni abuso indiscriminato dei “boors”: analfabeti e quindi impossibilitati a leggere cartelli e segnalazioni; giustificabile quindi, il loro comportamento poco consono alle reali esigenze di convivenza del mondo civile. A migliorare la situazione della Contea di Watercloss contribuì la costituzione dei C.A.C.

(Controller Auxiliary Carriages), che in poco tempo e con un servizio impeccabile ripristinarono l’ordine e la quiete nella Comunità.Karol "lo scemo del villaggio" L’unico che creava problemi a tutti era “lo scemo del villaggio”: Karol; personaggio scomodo e demente, il quale finì segregato nella sua modesta dimora per essersi ribellato alle troppe ingiustizie e invitato a suonare il piffero, come aveva sempre fatto in passato. La terza e ultima parte sarà raccontata prossimamente.

Pin It

One thought on “Il paese dei balocchi – II parte

  1. gerardo avalone 15 aprile 2010 al 12:32 -

    sei un grande come sempre:
    ‘unica cosa che ti chiedo devi essere piu chiaro grazie per sempre
    ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *