La Bottega dell’arte

LP della Bottega dell'arte EMI ItalianaL’avventura della Bottega dell’arte ha inizio nel 1974, con l’incisione del primo disco a 45 giri (raro) “Addio” e “Notturno per noi”, etichetta Tomato record. Nel 1975, sul filone musicale dei Pooh inizialmente e dei Cugini di Campagna dopo, incidono il brano “Come due bambini”, retro “Ripensare a lei” per la EMI Italiana, sopportati da una diffusa promozione, entrano di diritto nelle classifiche delle Hit Parade; nello stesso anno la EMI pubblica un LP dall’omonimo titolo “La Bottega dell’arte”. Nel 1976 partecipano al Festivalbar conquistando il 2° posto col brano “Amore nei ricordi”, nel retro un bellissimo brano strumentale “Mare nostrum”. Ora “La Bottega dell’arte” è un complesso di successo e tutti si aspettano altre nuove incisioni, che per la verità non si faranno attendere; è quindi la volta dell’ulteriore conferma, che arriva col brano “Che dolce lei”, retro “Pastelli”, entrambi inclusi nel 2° LP, pubblicato sempre dalla EMI Italiana, dal titolo “Dentro”. Mietono successi anche nel 1978 con la canzone “Bella sarai”, ma la partecipazione al Festival di Sanremo del 1980, con la canzone “Più di una canzone” non sarà accettata dal pubblico e forse questo ne determinerà il declino di questo gruppo favoloso, che di li a poco farà optare ad ognuno di loro strade diverse. Si conobbero nei primi anni ’70, grazie all’incontro dei fratelli Piero e Massimo Calabrese con amici d’infanzia, tutti romani de’ Roma; gli altri tre erano: Romano Musumarra (tastierista, flauto, armonica e voce), Alberto Bartoli (batterista e percussionista), Fernando Ciucci (chitarrista e voce). Ovvio che i vinili di questo gruppo sono oggi molto ricercati dai collezionisti.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *