Lassammo fa’ Dio (‘A speranza )

Salvatore "Turuccio" Casale

Salvatore “Turuccio” Casale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carlotta, a primma sora mia,
te le pigliate facenne nu’ surriso,
dicenne ch’era n’ angelo
mancante ‘mparaviso;
Nunziatina ! é overo fumave
e pe punì st’abuso
senza cuntà ‘a bravura
a mise fuori uso;

‘O frate mio “Turuccio”
è vero se sfiziate:
femmene, cante e suone
e nun c’ha perdunate;
De figlie e Don Alfonso
sulo je ‘nce so’ rimaste,
o ssaje nun vache ‘e presso
e nun voglio fa patte,
tanto pe n’ atu santo
nun è ‘o mumento adatto.

Pin It

2 thoughts on “Lassammo fa’ Dio (‘A speranza )

  1. Giovanni Nigro 2 novembre 2008 al 19:35 -

    Caro Carlo, condoglianze per la perdita di tuo fratello Salvatore. Io lo ricordo contanta simpatia: avevo poco più di dieci anni quando mi recavo da lui ad imparare a suonare la chitarra classica. Ricordo di essere stato con lui due anni e di aver partecipato anche ad un saggio. L’ultima volta che l’ho incontrato ed ho parlato con lui è stato quando era coinvolto nella gestione del Bar Galleria, forse un decennio fa.
    Bella la tua poesia di memoria: un modo per rendere meno amare le prove familiari che hai dovuto subire.
    Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *