LELIO LUTTAZZI “Piano e canto”

Il CD di Lelio Luttazzi pubblicato dalla Replay MusicLelio Luttazzi, triestino purosangue, mancato a tutti gli amanti della musica all’età di 87 anni, è stato il più grande pianista jazz italiano.
Ho compilato questo virtuale CD (inesistente in commercio) con le sue più belle interpretazioni. Un CD con i primi 12 brani esiste in commercio, pubblicato anni fa dalla Butterfly di Milano su etichetta Replay Music e credo ancora in catalogo. Grandi esecuzioni a piano solo, con ritmi e le sue canzoni più note. “Vecchia America”…dei tempi di Rodolfo Valentino, composta nel 1951, in contemporanea con l’uscita del film omonimo, la incisero e portarono al successo il “Quartetto Cetra”; “Sono tanto pigro” è una canzone autobiografica, in quanto, come dichiarò la figlia in un’intervista, Lelio lo era effettivamente; “Boogie per tre” è una sua composizione che ricorda lo stile dei pianisti “Rag”, ovvero della serie western-bar “non sparate sul pianista”, molto simile alla sigla finale del programma televisivo “Odeon”, interpretata da Keith Emerson nel 1976 col titolo originale “Honky tonk train blues”; per la cronaca, Emerson sulla scia del successo ottenuto incise “Odeon rag”, come seconda parte della sigla, in effetti non era altro che “Meaple leaf rag” di Scott Joplin, incisa dall’autore con pianola roll sui vecchi “rulli a cera”.

La canzone “Legata ad uno scoglio” identifica Lelio Luttazzi e ascoltandola si nota quanto amasse accostare la sua voce a quella di Louis Armstrong, interpretandola alla maniera del grande Satchmo. Alla fine del ’68 Lelio dedicò alla sua Trieste due bellissime canzoni, divenute altrettanti successi: El can de Trieste e Ritorno a Trieste, cantate in dialetto, incise su dischi Vedette Record. Tantissimi i successi scritti per altri artisti, come “Una zebra a pois” per Mina e “Chiedimi tutto”, che lui stesso in seguito inciderà. A “When you’re smiling” di Mark Fisher/Joe Goodwin/Larry Shay Lelio Luttazzi da una personale interpretazione pianistica come pochi sanno fare; il brano è un classico americano, cantato dai più grandi artisti mondiali: Louis Prima e Billie Holiday nello stile swing, Louis Armstrong, Dean Martin, Frank Sinatra, Nat King Cole etc. in stile “deliziosamente” soft. Presente in questa mia “personale” compilation due bossa nova: Desafinado di Jobim e La ragazza di Ipanema di Jobim/De Moraes. Il mio consiglio finale è di cercare la musica, su qualsiasi supporto discografico, di questo nostro “Grande” musicista italiano, che ha emozionato tutti quelli che ancora oggi lo ascoltano e lo apprezzano…emozionandosi.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *