Monete da collezione – Quanto valgono?

liraDa quando scrivo recensioni di numismatica, ricevo contatti su FB e in privato per valutazioni di monete.
La maggior parte dei visitatori del blog desiderano conoscere non tanto il valore delle monete in loro possesso, ma a chi rivolgersi per cederle.
Una valutazione approssimativa la posso anche dare, ma la cosa più difficile è trovare acquirenti.
Rispondo ad alcuni di loro, che mi hanno sottoposto la visione di alcune monete.
Al sig. Arturo A. di Baronissi, che possiede una lira del 1956, devo deluderlo nel confermare che la sua monetina, a differenza della 5 lire del 1956 (rara), è ritenuta “comune”, pertanto il suo valore oscilla tra i 5 euro (nuova) e 2 euro (se circolata).
Troppi sono quelli che possiedono le 500 lire commemorative (Centenario dell’Unità d’ Italia  1961 e Centenario di Dante 1965), convinti (sbagliando) di avere tra le mani un piccolo tesoretto.

Il loro valore massimo, se fior di conio, possono arrivare a € 10,00 circa, in quanto emesse in quantità soddisfacente, facilmente reperibili.
Risposta per il sig. P. T. di Montoro che mi sottopone una moneta da 20 cent. del 1941, che sostiene la valutazione di oltre 100,00 €.
Se in fior di conio vale circa 5,00 €, a meno che non trattasi di una moneta uguale dello stesso anno con un “tondello deformato”, allora ha ragione.
20 centesimi di Vittorio Emanuele III che superano anche la quotazione di 100,00 € sono quelle datate 1939, considerate “rare”.
Ovviamente il prezzo è determinato dallo stato di usura e conservazione.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *