Non c’è più niente da fare, la musica è finita?

vanoniPrendendo a prestito 2 titoli di famose canzoni, la prima cantata da Bobby Solo e la seconda cantata da Ornella Vanoni e Mario Guarnera al festival di Sanremo ’67, tutti si pongono questa domanda: la musica è finita?. In effetti il mondo (musicale s’intende) è saturo di musica, si può ascoltare di tutto, come e quando vuoi; si può scaricare musica di ogni genere, anche le cose più impensate e rare; la conclusione è il fallimento commerciale da parte delle case discografiche e la conseguente cessazione d’attività dei negozi tradizionali di musica. Aumenta comunque la voglia di collezionare musica ed è per questo motivo che aumenta la domanda per manifestazioni del genere. Alcuni anni fa la BMG-RCA Italiana propose la stampa in CD di rarità discografiche dei vari gruppi italiani “Pop Prog” degli anni ’70: “Pop Villa Pamphili” CD doppio pubblicato nel 2002, ora quasi introvabile. Per la verità non fu un successo di vendite, perchè destinato a poche persone ed è per questo, forse, che le case discografiche si astengono dal riproporre in cd le “rarità discografiche” in loro possesso. Del resto, la richiesta delle rarità è per i soli vinili d’epoca, in quanto come facevo osservare all’inizio, sui vari motori di ricerca si trova tutto e di più, quindi una mia personale conclusione è: “La musica è in…finita”.

Pin It

One thought on “Non c’è più niente da fare, la musica è finita?

  1. mario guarnera 17 maggio 2012 al 09:32 -

    Tutte le cose in mano a persone poco competenti, con poca voglia di progredire e, soprattutto troppo interessate all’aspetto materiale e non all’amore che dovrebbero provare, sono destinate, se non a finire, ad essere maltrattate e sgualcite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *