‘O Nonno

Dedico questa bella poesia, scritta il 15 giugno 1983 dal poeta Antonio Imparato, ai miei nipotini: Dalia, Gaetano e Carlo (che domani festeggerà il suo primo compleanno), allegando foto di mio padre Alfonso, affinchè i nipoti possano ricordarlo per la sua infinita bontà. Nella terza foto, da sin.: Vincenzo Pascale, Alfonso Casale, Gabriele Nicolao, Antonio Casale, Gennaro Fiorenza, Antonio Izzo e Michele Casale.


‘O Nonno
E se fa festa ‘a mamma,
festa se fa a’ papà,
ma sulamente a ‘o nonno
‘a festa nun se fa!…
Vurria sapè pecchè
stu viecchio è trascurato,
mentre ca isso ha fatto
na lotta p’ ‘o ppassato.
Na lotta ‘e sacrificie
pe’ nun ce fa privà
‘e tutt’ ‘o necessario
ca serve pè campà.
E pò nu grand’affetto
tène p’ ‘e niputine:
ll’accatt’ ‘e pazzielle!
S’ ‘e pporta int’ ‘e ciardine!
E credo: ogne nepote,
qualunque guagliunciello,
s’affeziona a ‘o nonno,
a ‘o nonno vicchiariello!…
Si ‘e ggenitore pàrteno
e vanno a villeggià
a casa ‘o nonno sulo
nun l’hann’ ‘a maje lassà!…
E manco l’hann’ ‘a mèttere
apposta int’ ò spitale,
pecchè nce trase buono
e nn’esce cu nu male.
Male, che ‘a mmericina
adatta p’ ‘o curà,
nun sarrà maje capace
‘a scienza d’ ‘a ‘mmentà!…
E’ male ‘e pucundria
ca ddà ‘a privazione
‘e chella tenerezza
ca sape dà ‘o guaglione!…
Pirciò, nonno e nepote
nun s’hann’ ‘a separà,
pecchè chesto sarrìa
na vera crudeltà.
‘O vicchiariello soffre
p’ ‘a pena e p’ ‘o dulore
e si s’appucundrisce,
forse s’abbatte e more!…
Penzàtece! Penzatèce!
che ‘a veneranda età,
nu juorno, a Dio piacenne,
vuje pure ajt’arrivà!…

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *