Pino Salerno canta Merola

Carlo Casale con Pino SalernoMario Merola rivive in questo personaggio “clone”. Sto parlando di Pino Salerno, nato a Salerno il 7 marzo 1951, che da sempre interpreta i successi del compianto Mario Merola. Di ritorno da una tournèe in Sicilia, dove ha ottenuto successi inaspettati, è venuto a trovarmi per omaggiarmi del suo ultimo CD pubblicato, informandomi dei suoi programmi futuri. Sarà a Penta di Fisciano il 20 agosto per una serata tutta dedicata al suo idolo (Mario Merola) e per ricordare Antonio Bosco, il grande collezionista di musica classica napoletana, scomparso recentemente.

19 di Pino Salerno" />

Quest’ultima pubblicazione è la 19^ raccolta di successi di Merola da lui reinterpretati con inalterata professionalità. Distinguere la differenza col “maestro” non è affatto semplice, in quanto Pino Salerno ne imita voce, tonalità, aspetto fisico e gestualità interpretativa, insomma…un fenomeno della natura. Desidero precisare che Pino Salerno ci tiene molto ad essere classificato come cantante-ombra, ovvero un umile e perfetto clone dell’inarrivabile, ma non inimitabile Mario Merola. Queste le canzoni contenute del 19° volume: Ma che te fa’ stasera chesta Napule (Palomba-Alfieri); Tengo a mamma ca’ m’aspetta (Mallozzi-Marigliano); L’urdema canzona mia (Russo-Di Capua); Napoli canta Napoli (Mallozzi-Alfieri); Vulesse addeventà (Fiorelli-Rendine); Nuttata sulitaria (Anonimo-Alfieri); T’aspetto a maggio (Dura-Esposito-Acampora-Scuotto); Povera figlia (Sacco-Anepeta); Tradimento (Palomba-Alfieri); Vagabondo do’ mare (Chiarazzo-Ruocco). Pino Salerno si esibirà ad Oscato di Mercato S. Severino il 26 agosto ore 22,30 in occasione della sagra della “Pasta con porcini”, della Pizza e del formaggio di capra.