Proverbi napoletani “elettorali”

Cittadini sanseverinesi accorsi in massa per un comizio elettorale

Ogni domenica mattina è consuetudine fermarsi a chiacchierare, al corso Diaz di Mercato S. Severino, delle prossime elezioni comunali e puntualmente spuntano fuori “proverbi napoletani” per l’occasione; non potevo farmi scappare una rara e simile occasione per appuntarmi i più divertenti:
1) ‘O parlà è meglio d’ ‘o fottere (Il parlare è più facile del fare)
2) Quann’ ‘o riavele t’accarezza vo’ ll’anema ( Quando il diavolo ti accarezza vuole la tua anima)
3) Quann’ ‘o perucchio saglie ‘ngloria, perde ‘a scienza e ‘a memoria (Quando il pidocchio sale in gloria perde la scienza e la memoria)
4) ‘A meglia parola è chella ca nun se dice (La miglior parola è quella che non si dice)
5) A chi troppa s’acala, ‘o culo se vede (Chi troppo s’umilia, fa capire la sua mancanza di carattere)
6) ‘A capa ‘e sotta, fa perdere ‘a capa ‘e coppa (Il sesso fa perdere la ragione)
7) A dicere so tutte capace, ‘o difficile è a ffa’ (Fra il dire e il fare, c’è di mezzo il mare)

8. ‘A monaca de Camaldoli diceva ca muscio nun le piaceva e tuosto lle faceva male (Persone incontentabili)
9) Si miette ‘a sciassa ‘o puorco, sempe ‘a coda ‘nce pare (Anche se vesti bene il maiale, si vedrà sempre la coda)
10) Chi chiagne fott’ ‘a chi rire (Chi piange inganna chi ride)
11) S’adda fa ‘o pireto pe quanto è gruosso ‘o culo (Si deve fare il peto, per quanto è grande il deretano, cioè non bisogna fare il passo più lungo della gamba)
12) Hai voglia ‘e mettere rum, chi nasce strunz nun pò addeventà babà (Chi nasce tondo, non può morire quadrato)
13) Quanno ‘a gatta nun pò arrivà ‘o llardo, dice ca’ fete (Così si giustifica chi non riesce a realizzare qualcosa)
14) Chi cagna ‘a via vecchia p’ ‘a nova sape chello ca lascia e no chello ca trova (Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa ciò che lascia ma non sa quello che trova).

Pin It

3 thoughts on “Proverbi napoletani “elettorali”

  1. sono grandi questi proverbi, alcuni non li conoscevo e sono mitici. Quello del babà, poi…
    un abbraccio

  2. Sto scrivendo un libro …su Napoli…su una particolare caratteristica dei Napoletani…che adoro. Grazie per questi proverbi. Possibile un contatto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *