Robin Gibb “La febbre del sabato sera”

Il 45 giri dei Bee Gees più venduto

Il 45 giri dei Bee Gees più venduto

Dopo la dipartita di Bobby Farrell, conosciuto come Boney M., della bellissima Donna Summer, oggi è mancato un altro pilastro della musica dance: Robin Gibb. Lui era il leader del famosissimo gruppo “Bee Gees”, che nel 1977 con la colonna sonora de “La febbre del sabato sera (Saturday Night Fever)”, fece ballare tutto il mondo. Milioni di dischi venduti dell’LP, dei 45 giri Night fever/Down the road – RSO 2090 272, di Too much heaven/Rest your love on me RSO 2090 331 etc.

Già nel 1967 occupavano le hit inglesi i singoli: New York mining disaster 1941, To love sombody, Massachussetts e World; nel 1968 scalarono le classifiche con “Words” e “I’ve gotta get a message to you”; il 1969 segnò l’ascesa del gruppo in Europa intera con “First of may”, “Don’t forget to remember” e “Saved by the bell”; nel 1972 si misero in luce col brano “Run to me” e nel 1975 con “Jive talkin’ ” e “Night on Broadway”; “You should be dancing” nel 1976 anticipava l’esplosione musicale della Febbre del sabato sera, che nel 1977 spopolò piazzando nelle Hit Parade mondiali 4 splendidi brani dance: Stayin’ alive, How deep is your love, More than a woman e Night fever;  nel 1978 incisero Too much heaven e l’anno dopo Tragedy. Tutti questi brani fanno parte di una bellissima raccolta pubblicata in CD dalla PolyGram nel 1996. Non esagerò ponendo sullo stesso piano i Bee Gees, The Beatles e i Pink Floyd, valutandone il profilo commerciale e la bravura.

Pin It

One thought on “Robin Gibb “La febbre del sabato sera”

  1. Sembra quasi che anche loro siano stati travolti da #lafebbre che, secondo gli esperti, arriverà in autunno a Milano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *