Scrivere in dialetto napoletano.

giornaleIl dialetto napoletano, considerato una lingua universale, risulta facile da parlare, ma difficile da scrivere; infatti ha qualche caratteristica, non regola, da rispettare, come finali scritte, ma non pronunciate.
Da dilettante mi cimento a scivere qualche testo da adattare alla musica, costretto a spiegare la dizione ai non napoletani, trascrivendo tra parentesi le sole vocali e consonanti da pronunciare.
Esempio pratico in questo mio nuovo testo, dove descrivo tutto quello che ho sognato una notte, ricordando quasi tutto al mattino (cosa rara, in quanto svanisce tutto al risveglio).
Sarei ben lieto se qualche amico musicista, dopo aver letto, e compreso la descrizione irreale, desidera cimentarsi a musicare il testo.
Nella foto in alto: Il cantante internazionale Bruno Venturini col compianto amico di sempre Antonio Bosco, collezionista e cultore della canzone classica napoletana.

‘Nu vase e ‘na rosa
Mentre passavo annanze ‘o bancolotto (mentr passav annanz o banclott)
tre nummere ‘nu prevete m’ha dato (tre nummer nu prevt marat)
Quattordici, vintuno e quarantotto (quattordc vintun e quarantott)
‘a terno sicche … m’ha raccumandato (a tern sicc ma raccumannat).

‘O core me sbatteva, nanz’ ‘a televisione (o cor m sbattev, nanz’ ‘a television)
‘a Dea bendata girava ‘e bussolotte (a dea bendata girav e bussolott)
(pausa di 2 secondi) Se ferma ‘a rota, (pausa 2 secondi) accumencia l’estrazione.
(pausa 1 secondo) NAPOLI !!! – quattordiciii, vintuuuno e quarantoootto.

Tant’ ‘allucche, abbracce e ciente vase (tant allucc, abbracc e cient vas)
Mò speramme ca coccose cagne (mò speramm ca coccos cagn)
‘na cos’ ‘a ‘e sorde finalmente trase (na cosesord finalment tras)
– VOCE FUORI CAMPO :“piglia ‘e bicchiere, brindamme ca sciampagne” (pigl e bicchier brindamm ca sciampagn).

– “Complimenti” Dice ‘o miereche ca fa ‘o ricercatore (dic o mierec ca fa o ricercator)
te voglio regalà…stu buccettine (t vogl regalà stu buccettin)
è acqua miracolosa…po’ fa sparì ‘o tumore (po’ fa sparì o tumor)
bevenne ‘nu cucchiare e medicine (vevenn nu cucchir e merecin)

me apparse n’ angelo ca me vuleve abbraccià (me appars nangl ca m vulev abbraccià)
e m’ha lasciato perplesse e emozionato (e malasciat perpless e emozionat)
e cu ‘nu file ‘e voce m’ha sussurrate…PAPA’ (e cu nu fil e voc ma sussurrat…papà)
Tu pecchè chiagne, ossaje mo so beate (tu pcchè chiagn…mo so beat)

Chi tene fede a Dio, po ottenè ogni cosa (chi ten fed a Dije po ottenè ogni cos)
Persino l’impossibile po essere realizzate (persin l’impossibil po ess realizzat)
‘a mamma dalle ‘nu vase e portale sta rosa (a mamm dall nu vas e portl sta ros)
…(fai una pausa 2/3 secondi) tra nuvole è sparita e je mo so scetate. /tra nuvl è sparit e je m so sctat)
A parte la traduzione, se richiesta.

 

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *