VITTORIO EMANUELE III: 100 LIRE ORO 1912 ARATRICE

100 LIRE ORO 1912 ARATRICE VITTORIO EMANUELE III RARA2Dopo le diverse recensioni inerenti monete a corso legale della Repubblica Italiana cercherò di rispondere a tutti quelli che mi hanno invitato a suggerire monete da acquistare per investimento. Di solito un investimento, per chi non è collezionista, va indirizzato su monete in oro e argento.
Fino a 500 € l’investimento va fatto su monete commemorative in argento e oro, prenotandole presso banche o Agenzie settoriali; per investimenti più corposi il primo consiglio è quello di rivolgersi sempre a venditori professionisti che ne garantiscono l’autenticità, tramite perizia di autenticità e sigilli ai 4 lati della confezione, detta punzonatura.
La moneta in oro da me suggerita per investimento è la rara 100 lire del 1912 di Vittorio Emanuele III, classificata R 2.
Il valore medio si aggira intorno ai 5.000 €; valutazioni differenti sono in funzione allo stato di conservazione, che può modificarne il valore reale.

L’ emissione di questa moneta avvenne il 5 maggio del 1910, con Regio decreto N. 258, quella data risulta pressoché introvabile, anche se classificata R 5.
Le emissioni 1926/27 non ebbero corso legale, ma riservate ai collezionisti, e coniate in pochi esemplari, classificate R 4. Il contorno della 100 lire oro è rigato. Sul dritto appare il Re Vittorio Emanuele III a testa nuda che guarda a sinistra, attorno la dicitura: Vittorio (sulla sinistra) Emanuele III (a destra); in basso a sinistra si vede un nodo in un rettangolo. Sul rovescio un’aratrice, che allegoricamente rappresenta l’Italia agricola, con un fascio di spighe nella mano sinistra, mentre con la destra impugna un aratro; in alto la dicitura Regno D’Italia; a sinistra dell’aratrice la scritta Lire, a destra la cifra, cioè 100; sotto la data (in questo caso 1912 con i nomi del progettista “Boninsegna” e dell’incisore “ Giorgi”.

 

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *