Dischi da collezione. Che fare ?

comeprimaQuesto disagio, speriamo momentaneo, ha condizionato le persone a restare in casa, per evitare contagi per la propria persona e i familiari.
Dice un proverbio “Non tutti i mali vengono per nuocere”; in effetti questa “costrizione” ha dato a molti l’opportunità di poter inventariare oggetti, dischi, e gadget di particolare valore, sia economico, che affettivo.
Personalmente ho avuto la bella sorpresa di ritrovare vecchie foto d’epoca, che mi hanno fatto rivivere ricordi giovanili; per non parlare dei supporti discografici, abbastanza rari, che saranno disponibili alla prossima FIERA del DISCO.
Effettivamente il materiale in vinile “scoperto”, è immenso, come la immensa quantità di dischi a 45 giri, divenuti RARI, e che neanche ricordavo di possedere.
Il mio primo pensiero è stato quello di sottoporre i dischi ai miei nipoti, cercando di scoprire l’interesse esercitato alla vista di quegli strani oggetti.
Alla risposta “innocente”: – ‘O Noooo, ma che ce ne facimme e sti cosi viecchie, subito, senza insistere, mi sono convinto che tutto il materiale ritrovato, lo offrirò agli interessati al collezionismo discografico, appena me ne sarà data l’occasione.
Chi di speranza vive, disperato muore.